Un traguardo importante per l’Orchestra ‘Suoni del Sud’ e per la città di Foggia
3 Agosto 2022
La Puglia si conferma prima in Italia per qualità delle acque di balneazione
3 Agosto 2022

“Elevare a struttura di primo livello il Commissariato”

Sul duplice omicidio avvenuto a Cerignola sara’ la magistratura ad indagare le cause e le dinamiche di un fatto cosi’ grave e violento. Da parte nostra, rinnoviamo l’appello ad elevare a struttura di primo livello il Commissariato di Cerignola, come tra l’altro gia’ abbiamo riferito in un incontro privato al sottosegretario del Ministero dell’Interno Carlo Sibilia”. Il sindaco di Cerignola, Francesco Bonito, interviene sull’omicidio di Gerardo e Pasquale Davide Cirillo, padre e figlio i cui cadaveri sono stati ritrovati, domenica scorsa, nelle campagne tra Manfredonia e Cerignola, nel Foggiano, dopo essere stati uccisi con un colpo di pistola alla testa. “E’ superfluo – aggiunge il primo cittadino – ribadire la centralita’ di Cerignola nello scacchiere criminale della provincia e non solo. Negli ultimi due anni – rimarca il sindaco – si sono registrati tre omicidi e quattro ferimenti o tentativi di omicidio. L’impressione e’ che qualcosa si stia muovendo e lo Stato non puo’ farsi trovare impreparato: per questo abbiamo richiesto ulteriori uomini e mezzi per presidiare il nostro territorio, come tra l’altro richiesto anche dal senatore Marco Pellegrini del M5S. Non vogliamo lanciare inutili allarmismi, ma non vogliamo nemmeno sottovalutare un fenomeno che, ormai e’ improrogabile, deve essere contrastato con le energie migliori a disposizione.
Elevare a struttura di primo livello il Commissariato di Cerignola significherebbe, al di la’ del dato numerico riferito agli agenti, dotare il territorio di anticorpi ad una criminalita’ pervasiva e spietata, come emerge dalle relazioni semestrali della Dia e, non ultimo, dallo scioglimento per infiltrazioni mafiose del Comune di Cerignola che ha dato contezza di quanto la mafia locale sia ben radicata”. “Non ci sfugge l’enorme lavoro svolto fino ad ora da Questura, Prefettura e Procura – conclude Bonito- di cui andiamo orgogliosi, ma oggi servono soluzioni di sistema in grado di mettere sotto scacco la criminalita’ organizzata”.

 

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *