“Legge speciale per migliorare i servizi e legare l’isola all’Europa e al sogno di Spinelli”
24 Novembre 2022
Dai Monti Dauni al Gargano un filo rosso contro la violenza sulle donne
24 Novembre 2022

Tutto esaurito per la prima nazionale del film in versione italiana

Dopo la presentazione in lingua originale alla 79a edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, sabato e domenica, 26 e 27 novembre, San Giovanni Rotondo, città di san Pio, si appresta ad ospitare la prima nazionale del film in versione italiana. Ad annunciare l’importante evento, nei giorni scorsi, è stato il sindaco Michele Crisetti: «Siamo orgogliosi. L’evento che ospiteremo con i frati Cappuccini sarà l’ennesima dimostrazione del grande messaggio spirituale di san Pio e della sua grande forza internazionale» ha dichiarato il primo cittadino.  Importante la risposta del pubblico; infatti, in poche ore, è stata raggiunta la capienza massima di posti liberi messi a disposizione per la serata di domenica 27 novembre, mentre sabato 26 novembre si accede per invito. Attesa anche per la masterclass dedicata agli studenti che il regista newyorkese terrà domenica mattina. Un evento di portata internazionale, che non poteva svolgersi in una cornice più consona di quella dei luoghi in cui il santo ha vissuto.«Abbiamo sostenuto questa produzione fin dalla fase delle riprese, con l’auspicio che un’opera d’arte diretta da uno dei maestri del cinema contemporaneo possa avvicinare alla figura di Padre Pio quanti sono lontani dalla fede, come prima tappa di un percorso di rinascita spirituale», ha fatto sapere padre Francesco Dileo, rettore del santuario di Santa Maria delle Grazie e della chiesa di San Pio.Saranno tre giorni intensi, sabato 26 novembre alle ore 18:00, nell’Auditorium “Maria Pyle”, nella chiesa di San Pio, ci sarà la proiezione del film e, a seguire, il regista Abel Ferrara e lo sceneggiatore Maurizio Braucci incontreranno il pubblico presente in sala. La serata sarà condotta dall’attrice e cantante Martina Difonte, reduce dal red carpet di Venezia con “La Grande Guerra del Salento”, in collaborazione con il giornalista Gennaro Tedesco, che ai fatti del 1920 ha recentemente dedicato un documentario. Alla serata di sabato si accede con invito. Domenica 27 novembre alle ore 9:00 il regista terrà una masterclass dedicata ai giovani, posti ancora disponibili, (info: filmpadrepio2022@gmail.com), e alle ore 20:00 ci sarà la proiezione aperta a chi ha prenotato ed ha ricevuto conferma dallo staff dell’organizzazione dell’evento.Girato in provincia di Foggia e ambientato alla fine della Prima guerra mondiale, il film racconta in maniera inedita la stimmatizzazione del frate cappuccino, interpretato dalla star hollywoodiana Shia LaBeouf, e in parallelo l’eccidio avvenuto a San Giovanni Rotondo nel 1920, uno dei fatti più importanti di quel periodo storico, una storia spesso al centro di polemiche e divisioni. L’opera è stata realizzata anche grazie al contributo e al patrocinio della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo – Ministero della Cultura e della Apulia Film Commission. Nella versione doppiata, è una coproduzione Italia/Germania, prodotto da Maze Pictures e Interlinea film.Le proiezioni di San Giovanni Rotondo sono organizzate dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con i Frati Minori Cappuccini, l’Arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e Interlinea Film.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *