Pelagosa Grande, ‘prolunga’ garganica
20 Luglio 2017
Nessuna “tassa ambientale” sulla vendita dell’olio extravergine d’oliva
21 Luglio 2017

Treni della Notte per raggiungere le località turistiche del Gargano

Per l’estate 2017, Ferrovie del Gargano ripropone il “treno tram della notte”, servizio che, dal 23 luglio, consentirà di raggiungere Rodi Garganico, San Menaio, Peschici con attenzione particolare alle brevi distanze per mettere in rete le località turistiche della costa. L’ideale per una passeggiata serale utilizzando i moderni treni di FerGargano e senza doversi preoccupare del parcheggio. Il tutto ad un costo di 2€ a corsa partendo da San Severo, Apricena e S.Nicandro Garganico e ad 1€ a corsa partendo da Cagnano Varano o per i brevi tragitti. Una proposta invitante per famiglie e giovani che, in tal modo, non avranno bisogno di utilizzare la macchina per fare tappa sulla “montagna del sole”. Uno speciale servizio consolidato ormai da anni per promuovere gli spostamenti con i mezzi pubblici. Un vero successo per l’azienda e una comodità soprattutto per i turisti che, in questo periodo, affollano la nostra terra e una buona occasione per veicolare passeggeri-vacanzieri lungo il litorale nord del Gargano. «In Ferrovie del Gargano siamo convinti di quanto sia fondamentale dimostrare come il trasporto locale, in particolare quello ferroviario, possa incontrare e favorire le esigenze del turismo e della promozione del territorio – commenta il dott. Vincenzo Scarcia Germano, direttore generale delle FerGargano -. Un modo intelligente per offrire servizi utili a prezzi contenuti ai clienti-viaggiatori, nonché ai turisti del Gargano». Sempre per l’estate 2017, Ferrovie del Gargano ripropone gli orari ferroviari in lingua inglese e tedesca. «Una esigenza ma anche per una migliore qualità dei servizi erogati – aggiunge il direttore generale di FerGargano – del tutto in linea con le necessità dei numerosi turisti stranieri. La nuova iniziativa è stata molto apprezzata lo scorso anno e, quindi, siamo ben lieti di riproporla».

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *