Attualità

Scuola, le autrici del dossier: “Libri filorussi devono spaventare genitori italiani, non ucraini”

(Adnkronos) –
Da dove nasce la ricerca sui libri delle medie scritti secondo la propaganda russa? Dal lavoro (e dalla tenacia) di Tetyana Bezruchenko, cittadina italiana di origine ucraine e fondatrice del centro culturale Wikiraine, la cui figlia studiava su uno dei libri "incriminati", e ha chiesto alla madre perché la storia dell’Ucraina, che lei ben conosceva, fosse raccontata in modo così strano. Bezruchenko ha iniziato a raccogliere altri libri, grazie anche all’aiuto di Maryana Trofymova, il cui fratellino studiava su altri volumi altrettanto distorti.  "Mi lasci subito dire una cosa", esordisce Bezruchenko al telefono con l’Adnkronos. "So che il caso è diventato di rilevanza nazionale e che se ne stanno interessando storici e istituzioni. Ma non vorrei che questo fosse rappresentato come un problema delle comunità di origine ucraina o dei Paesi baltici che vivono in Italia. Il modo in cui la storia viene insegnata ai nostri ragazzi deve essere una preoccupazione per tutti i genitori. Non è giusto leggere su un libro, in grassetto, ‘Putin non vuole ritrovarsi accerchiato’ quando si parla dei Paesi dell’Est Europa che liberamente hanno deciso di aderire alla Nato. E poche righe dopo si parla di ‘guerra civile’ come se in Donbas non ci fosse stato un intervento delle milizie di Putin per preparare l’invasione su larga scala. Servirebbe una mobilitazione dei genitori di tutta Italia, per chiedere conto a insegnanti e dirigenti scolastici dei testi che vengono adottati". In effetti dalla pubblicazione dell’articolo di ieri, all’AdnKronos sono giunte altre segnalazioni di libri che sembrano disegnati per cancellare le identità dei Paesi sfuggiti all’occupazione sovietica e da oltre trent’anni tornati (felicemente) indipendenti. Ad esempio ‘Aral’ (editrice Lattes), pubblicato nel 2022, propone agli studenti un gioco, ‘organizzare un viaggio in Russia’ e li sfida a calcolare le distanze tra una serie di città: tra Mosca e San Pietroburgo, ecco spuntare Tallin (capitale della Lettonia), Riga (capitale della Lettonia), e poi Kiev, Odessa, Leopoli, Charkiv, ovvero le principali città ucraine. Un gioco che serve a capire le distanze geografiche diventa una sottile arma di indottrinamento.  "Queste cose hanno un effetto per tutta la vita, e io l’ho provato sulla mia pelle, sono cresciuta nell’Unione Sovietica, cresciuta come ‘carne da cannone’ senza dubitare se hai ragione o meno, perché hai assorbito dalla primissima infanzia una convinzione: hai il diritto di invadere, stuprare, uccidere, violare le leggi ovunque nel mondo perché sei buono, sei 'russo'. Quando mi sono trasferita in Italia, avevo 30 anni, e mi è capitato di leggere 'chi ha inventato la radio’' per me la risposta era solo una: Aleksandr Popov! Perché questo ci veniva insegnato a scuola ed è stato imposto per decenni. Invece poi ho scoperto che si trattava di Guglielmo Marconi, e che lo stesso Popov aveva scritto al collega italiano chiamandolo ‘il padre della telegrafia senza fili’. Ma una volta che ai ragazzi viene raccontata una versione della storia, se la porteranno dietro per tutta la vita, e se magari faranno gli insegnanti tenderanno a scegliere libri di testo che rispecchiano la loro formazione. In un circolo vizioso che è difficile da spezzare", prosegue Bezruchenko al telefono con l’AdnKronos.  "Abbiamo tutti visto nelle scorse settimane i viaggi di studenti italiani a Sochi, organizzati e pagati dalla Federazione Russa. Le frasi dello street artist Jorit hanno fatto rumore, ma nessuno si è interrogato…". —cronacawebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 20 Marzo 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio