Cronaca

Scoperti due distributori abusivi e una rivendita illegale di gpl

Controlli della Gdf in provincia di Foggia

I finanzieri del Comando Provinciale hanno svolto nei giorni scorsi attività ispettive nell’intera provincia volte ad assicurare il rispetto delle norme sui prezzi e sui carburanti, in esecuzione di un mirato piano di interventi disposto dal Comando Regionale.

Presso i distributori stradali sono stati eseguiti controlli finalizzati a verificare la corrispondenza dei prezzi praticati alla pompa con quelli esposti per le diverse modalità di erogazione (“self” e “servito”) nonché il rispetto degli obblighi di comunicazione e trasparenza.

Le irregolarità riscontrate sono 5 e riguardano la mancata esposizione dei prezzi, l’inosservanza degli obblighi di comunicazione al Ministero delle imprese e del made in Italy e la difformità dei prezzi di vendita rispetto a quelli esposti. Nei confronti dei responsabili sono state irrogate sanzioni amministrative.

Durante le attività di controllo economico del territorio, sono stati scoperti anche due distributori abusivi, uno a Cerignola, l’altro a Carlantino ed una rivendita irregolare di bombole di gpl a Lucera.

Nel primo caso i finanzieri della locale compagnia hanno individuato un capannone caratterizzato da intenso traffico veicolare in una zona di campagna solitamente poco frequentata.

Al momento dell’intervento le fiamme gialle hanno rinvenuto all’interno del sito un vero e proprio distributore abusivo con cisterne, pompe e pistola erogatrice.

Oltre 6.500 litri di carburante ad uso agricolo, venduto ad 1,25 € al litro, sono stati sequestrati.

A Carlantino, dopo alcuni giorni di osservazione a distanza, i finanzieri della Tenenza di Lucera sono intervenuti presso un deposito privato di gasolio ad uso agricolo, sorprendendo un’autovettura mentre faceva rifornimento. Il deposito è stato sequestrato insieme ad oltre 2.100 litri di gasolio agricolo contenuti in due cisterne. A Lucera, inoltre, i militari hanno sequestrato 325 Kg di gpl presso una rivendita non autorizzata di bombole all’interno di un deposito di materiali edili.

In questi ultimi tre casi i gestori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica. La posizione degli indagati sarà valutata dall’Autorità Giudiziaria e gli stessi non possono essere considerati colpevoli sino ad eventuale pronunzia di una sentenza definitiva di condanna


Pubblicato il 23 Febbraio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio