Primo Piano

“Quanto ci costa il servizio affissioni? In un mese quasi 20mila euro…”

“Pubbliche affissioni quanto ci costate? La risposta è semplice: €19.886,00 per un mese”. Inizia così la nota dei consiglieri Vincenzo Rizzi, Marcello Sciagura e Giorgio Cislaghi di Alternativa Libera Foggia. “Per ben due volte – si chiedono i consiglieri- quest’anno il Comune di Foggia si è trovato ad affrontare una “emergenza affissioni” e per due volte (la prima in occasione della determina di risoluzione del contratto con AIPA, la seconda per il contestato affitto di ramo d’azienda di Mazal Global solutions) il dirigente del “servizio integrato attività economiche” ne ha disposto l’affidamento a una azienda esterna al Comune per motivi d’urgenza al fine di assicurare la continuità del servizio.La domanda “quanto ci costa il servizio di affissioni” non è retorica perché, a fronte di quanto impegnato con le due determine, lo scorso anno il Comune ha incassato circa 125.000 euro, ossia poco più di 10.000 euro al mese, e la stima dell’incasso per quest’anno è notevolmente inferiore, forse meno della metà. Ora, tralasciando il fatto che le somme incassate dalle pubbliche affissioni sono comprensive anche della tassa comunale sulla pubblicità oltre al costo dell’affissione in se, viene da chiedere in base a quale ragionamento il Dirigente del servizio ha stabilito il prezzo da pagare per un solo mese. Si è rifatto a un tariffario della Pubblica Amministrazione? Ha fatto un’indagine di mercato approfondita? Probabilmente niente di tutto questo ma, più semplicemente, si è rivolto a due aziende iscritte all’albo fornitori del Comune chiedendo loro il preventivo per poi procedere all’affidamento alla stessa società per entrambi i casi. Non sarebbe stato il caso di procedere alla rotazione dei fornitori o, ancora meglio, procedere con un avviso pubblico per trovare fornitori più economici? Siamo in presenza, ancora una volta, di un’emergenza prevista e prevedibile perché generata da atti dell’Amministrazione Comunale e quel che stupisce è come la stessa si possa trovare impreparata ad affrontarli facendo attenzione a quanto spende. E’ ora che l’Amministrazione Comunale si svegli e presti più attenzione a come spende i soldi dei cittadini e per questo chiediamo che si proceda con una procedura di evidenza pubblica aperta a più fornitori all’affidamento del servizio di pubblica affissione che ne assicuri l’economicità o, in alternativa, trovare un modo per dare un lavoro part time e precario ai giovani disoccupati che sarebbero felici di attaccare manifesti dietro un onorevole compenso”


Pubblicato il 15 Ottobre 2016

Articoli Correlati

Back to top button