Primo Piano

“Più voli dal Gino Lisa, il Foggia-Torino ha una sua storia”

Venturino scrive una lettera ai vertici di Regione, Adp e Lumiwings

Il presidente di “Mondo Gino Lisa” Sergio Venturino ha scritto ieri una lettera al presidente Emiliano, all’assessore Piemontese e ai vertici di Adp e Lumiwings. Non si esprimeva così chiaramente, forse, da oltre un decennio. Le sue parole sono ispirate al solito ottimismo per uno “scalo operativo” e a una costante del suo pensiero: “Sia chiaro, i foggiani vogliono volare ma noi non saremo mai distruttivi. Quelli che hanno sempre da ridire non conoscono nemmeno i meccanismi del traffico aereo, non sanno nulla di volo, probabilmente. Rispetto a questo, tuttavia, non ce la si può cavare, sempre, dicendo che la gente ama lamentarsi, le critiche possono aiutare a migliorare”.

Chiede la riattivazione di un collegamento aereo bisettimanale tra Foggia e Torino dal 31 maggio 2024 visto che per Milano Malpensa si vola, ormai, solo il venerdì. La compagnia ha ottenuto uno scalo “con più prenotazioni”, Linate. “Ma Torino, come Milano, ha sempre rappresentato uno ‘zoccolo duro’ per lo scalo foggiano. Probabilmente sarebbe stato preferibile lavorare su una riprogrammazione di frequenze e giorni, al posto di procedere con un’eliminazione della tratta. Anche perché è difficile non avere alla mente dichiarazioni dei mesi precedenti in cui si affermavano gli ottimi risultati di tale tratta, tali da giustificare anche un aumento della frequenza”.

In realtà quando la tratta è stata cancellata, Venturino, senza polemizzare o scoraggiarsi, pensò a Malpensa come buon approdo per raggiungere poi Torino in autobus, mantenendo il traffico, creandolo, ingegnandosi come, del resto, è solito fare lui in prima persona: “Il 12 aprile- preannuncia- tornerò a Ivrea dove ho lavorato vari anni. Scalo a Malpensa poi in macchina verso Torino. Domenica sera torno a Linate e poi a Foggia. Questo è quello che dovrebbe fare un foggiano che non ha comunque intenzione di ripiegare su Bari, e a cui preme potenziare il nostro scalo”. Il giorno di Pasquetta ha scattato una foto insieme a Fausto Leali: “Fare Pasquetta con chi crede nel Gino Lisa e ne riconosce l’utilità è un piacere”, ha scritto sulla pagina facebook dell’associazione.

Ma è arrivato il momento di aggiungere qualche tratta a quella per Milano dopo essere partiti con ben 5 destinazioni. “Fu un errore- secondo il Venturino pensiero-. Oltre Milano e Torino anche Catania, Verona e Mostar…Le tratte sono come le aziende, devi procurarti dei clienti, non puoi farle partire contemporaneamente o quasi”. Adesso basta: “Dal 31 maggio il turismo dal Piemonte può premiare Foggia. Abbiamo un legame storico con la città della Fiat, in tanti tornano qui per una vacanza sul Gargano, hanno casa a Vieste, spesso sono originari di queste zone. Rimettessero questo volo! Non interferisce né con Linate né con Bergamo. È arrivato il momento di dare una scossa al Gino Lisa”.

 

Ricorda nella lettera che dal 2009 “Mondo Gino Lisa” sostiene gratuitamente e autonomamente lo sviluppo e la crescita dell’Aeroporto di Foggia e di tutto il territorio circostante. “Abbiamo intenzione di rimanere al vostro fianco – aggiunge il presidente-. Ci prodighiamo con le nostre varie iniziative a supporto di tutta l’onerosa operazione di volo che si sta compiendo nell’Area Vasta, e non è affatto semplice da un lato spingere l’utenza all’utilizzo del mezzo aereo da Foggia, dall’altro spiegare le scelte che si sono susseguite nel corso del tempo, spesso difficili da digerire”.

Chiede la riattivazione dei collegamenti aerei con Torino, con un operativo bisettimanale svolto il venerdì pomeriggio e il lunedì mattina presto a partire dal 31 maggio 2024, senza intaccare le rotte con Linate, Malpensa e Orio. “Questo nuovo operativo potrebbe contare su una maggiore efficienza dei costi (due voli andata e ritorno a settimana, solo circa 480 posti a settimana da mettere in vendita) e su una stagione estiva/turistica in arrivo che avrà sicuramente una maggiore domanda”.

Superata l’estate, auspica un anticipo di orario al mattino su Linate e una doppia rotazione giornaliera che permetta un ritorno in giornata dallo stesso scalo. “La mia speranza nell’accoglimento della nostra proposta si basa sulla certezza che anche le SS.VV., come noi, tengono seriamente allo sviluppo dello scalo foggiano”.

 

 

Paola Lucino

 

 

 

 

 

 


Pubblicato il 4 Aprile 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio