“Michele Cianci”, le olive bella di Cerignola raccolte sul terreno confiscato alla mafia
21 Ottobre 2021
Finita la festa nel Pd pugliese, inizia la “faida” per la segreteria regionale
21 Ottobre 2021

Pietramontecorvino, wifi libero e gratuito per tutti

Un borgo sempre connesso. Nel Comune di Pietra Montecorvino sono stati attivati 7 accessi wifi-free che permetteranno ai cittadini e ai visitatori di accedere alla rete in maniera gratuita in diverse zone del paese. Il piccolo comune dauno, infatti, è tra i 224 comuni italiani vincitori del bando europeo “WiFi4EU” che permette d’installare gratuitamente la rete wifi negli spazi pubblici grazie a un finanziamento di 15.000 euro. A inviare la propria candidatura alla Commissione europea sono stati 3.202 municipi italiani, un record fra i Paesi Ue.“Siamo molto soddisfatti di questo risultato – spiega il sindaco Raimondo Giallella -, che premia l’ottimo lavoro svolto dalla nostra amministrazione comunale e dalla struttura tecnica. Da oggi i nostri concittadini e i visitatori potranno avere libero accesso alla rete ovunque si trovino e in forma completamente gratuita”.Gli hotspot che danno accesso a internet senza necessità di autenticazione sono stati installati in Piazza Martiri del Terrorismo, Piazza Cavour, al Teatro San Pardo, alla Villetta e alla Biblioteca comunale, nel Cortile del complesso scolastico e sulla Torre del Palazzo Ducale.“Abbiamo creato una cintura intorno al borgo, in modo da facilitare gli accessi in ogni zona e nei principali luoghi di interesse sociale e turistico del paese, compreso il rione storico di Terra Vecchia – continua Giallella -. Le potenzialità di un accesso alla rete gratuito e sempre fruibile sono fondamentali per un piccolo comune come il nostro. Se da un lato è un servizio reale ai cittadini, dall’altro è importate per la promozione del territorio perché permette ai turisti e ai visitatori di avere accesso ad alcune utility, come mappe e servizi di prenotazione, o semplicemente ai social network in modo garantito e costante. Cosa a volte non semplice in un contesto territoriale lacunoso dal punto di vista delle infrastrutture tecnologiche come quello dei Monti Dauni”.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *