Cultura e Spettacoli

“Pensieri e Parole…di Mogol”, melodie di speranza in carcere

Due giornate di musica e teatro nelle case circondariali di Foggia e Lucera

Il CPIA 1 (Centro Provinciale Istruzione Adulti) di Foggia, in collaborazione con ICO “Suoni del Sud”, l’Istituzione Concertistica Orchestrale, si appresta a trasformare due luoghi apparentemente grigi e chiusi in palcoscenici di speranza e rinascita. Il 19 marzo e 20 marzo 2024, presso le Case Circondariali di Foggia e Lucera, si terranno due eventi che non solo intratterranno, ma porteranno un raggio di luce nella vita dei detenuti.

Il progetto “Pensieri e Parole… di Mogol” è molto più di uno spettacolo: è un viaggio attraverso la vita e le emozioni di Lucio Battisti, raccontato con maestria attraverso la musica e il teatro. Questo coinvolgente racconto, scritto da Cristian Levantaci e supportato dagli arrangiamenti del Maestro Mario Longo e da un ensemble di straordinari musicisti – Gionatan Ciffo e Rocco Mucciarone ai violini, Anna Lisa Sampietro alla viola, Daniele Miatto al violoncello, Luigi Pagliara alle chitarre, Mario Longo al basso, Giuseppe Fabrizio alle tastiere, Leo Marcantonio alla batteria – ha già incantato il pubblico in numerosi teatri italiani.

L’obiettivo del progetto è offrire agli studenti detenuti – protagonisti dell’iniziativa – l’opportunità di esplorare e sperimentare i benefici dell’espressione artistica all’interno di un percorso di sviluppo personale, promuovendo elementi positivi di natura emotiva e relazionale.

“Ciò si traduce – spiega il docente Sergio Picucci – in un miglioramento della qualità della vita dei detenuti, con un particolare focus sull’identificazione e sull’esaltazione dei loro talenti e potenzialità. Inoltre, il progetto mira a favorire la crescita culturale, umana e spirituale degli allievi, nonché a facilitare la socializzazione all’interno dell’ambiente carcerario. Per i detenuti, questi eventi rappresentano molto più di un semplice spettacolo. È un contatto tangibile con la realtà esterna, un momento di rispetto e integrazione. Attraverso la musica e il teatro sono esposti a nuovi orizzonti di vita, alimentando una fiamma di speranza e riscatto”.

Dunque, nelle ultime settimane, grazie al maestro Sergio Picucci – che da otto anni conduce laboratori di musica e teatro all’interno delle case circondariali – gli studenti “ristretti” del CPIA hanno avuto l’opportunità di prepararsi per questo momento speciale. Attraverso monologhi e canzoni, si uniranno al “CantAttore” Cristian Levantaci e all’orchestra, dando vita alla performance.

“È di fondamentale importanza – sottolinea la dirigente del CPIA, Antonia Cavallone -comprendere che questi eventi non sono semplicemente spettacoli, ma vere e proprie opportunità di riscatto e rinascita per coloro che si trovano temporaneamente privati della libertà. Rappresentano ponti verso una nuova vita, un’opportunità di crescita e cambiamento anche dietro le sbarre”.

Il progetto è stato realizzato grazie alla preziosa collaborazione delle direzioni, delle aree trattamentali e della polizia penitenziaria delle due case circondariali.

Il CSV Foggia prenderà parte all’iniziativa con la responsabile della promozione del volontariato penitenziario, Annalisa Graziano.


Pubblicato il 15 Marzo 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio