La produzione pugliese di olio extra vergine è peggiore delle stime
8 novembre 2018
Eolico selvaggio, Troia chiede alla Regione il riconoscimento di “Comune Saturo”
9 novembre 2018

Parcocittà e Gocce di Pensiero ricordano il crollo di viale Giotto

Diciannove secondi possono essere sufficienti per distruggere le vite di 67 persone. Il ricordo di quello che accadde a Viale Giotto a Foggia in quella terribile notte dell’11 novembre 1999 è ancora vivo nella mente dei foggiani, come una ferita che brucia ancora e non si rimarginerà mai completamente. Il dolore ritorna forte ogni anno, accanto a quel monumento che in viale Giotto ricorda proprio le vittime di quella tragedia. Quest’anno ricorre il 19simo anno dal crollo, e l’associazione Gocce di Pensiero ha pensato bene di organizzare degli eventi proprio per non spegnere il lume dei ricordi in quello che è stato uno dei risvegli più brutti mai vissuti dall’intera città. Le manifestazioni inizieranno oggi e si concluderanno l’11, quando sarà Parcocittà a ospitare uno dei momenti più significativi delle iniziative. Alle ore 11 è prevista la presentazione del libro “A metà del sonno” di Emiliana Erriquez, cui seguirà l’esposizione documentario-fotografica a cura di Franco Cautillo. Attraverso le parole di questo racconto, che si “divora” davvero in un lampo, talmente è emozionante e ben scritto, l’autrice riesce a romanzare una storia vera, e a presentarci i protagonisti, sebbene nella realtà abbiano nomi diversi. Tante le storie al suo interno: Valeria, mamma amorevole e amata sorella di Massimo, che in quel crollo ha perso la vita insieme al marito; Ester, figlia di Valeria, che invece si è salvata ma ha perso i genitori. Troppo piccola per ricordare, Ester, ma troppo sveglia per non fare domande. Perennemente alla ricerca di quelle due figure di riferimento, però di nascosto dallo zio Massimo, per non dargli altro dolore, consapevole che lui le si sia completamente dedicato, aiutandola a crescere. Suggestive, e piene di emozioni, saranno poi le testimonianze di chi quel giorno lo ha vissuto da vicino e lo ha ancora scolpito nella memoria.

 

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *