Messa di Gloria di Pietro Mascagni al Duomo di Cerignola
9 Settembre 2020
Rinasce la Via del tratturo, a piedi sulle tracce della transumanza
10 Settembre 2020

“No all’installazione delle pale eoliche, il paesaggio della Capitanata va tutelato”

“Una nuova installazione di pale eoliche in provincia di Foggia, e tocca nuovamente al comune di San Paolo Civitate, subire un altro scempio. Come se questa non fosse già la provincia più satura d’Italia si continua, imperterriti, a dare permessi per nuove installazioni che non portano nessun vantaggio al territorio. Abbiamo letto le carte circa espropri per l’installazione di 5 pale alte più di 150 metri l’una, che andranno a depauperare il territorio rendendolo ancora più povero e improduttivo, espropri che sono stati autorizzati durante il lockdown e che a breve saranno effettivi. Non è possibile che la provincia di Foggia continui a subire il proliferare di impianti eolici che ne alterano il paesaggio e danneggiano l’ambiente”. Lo dichiara la consigliera del M5S Rosa Barone che da tempo si occupa della questione e ha più volte chiesto al Governo regionale di tener conto, nei pareri di competenza, non solo degli aspetti tecnici, ma anche delle caratteristiche ambientali e storico-culturali e identitarie del paesaggio pugliese. Come sostenuto nel documento di aggiornamento al PEAR è necessario disincentivare la localizzazione di impianti in territorio agricolo, preservando gli usi produttivi del suolo. “Convivere con installazioni così impattanti diviene un problema per la popolazione, anche perché troppo spesso non vengono previste adeguate misure di mitigazione degli impatti. Chiediamo che i parchi eolici non vengano concentrati in questa zona – conclude Barone  – che risulta di rilevante pregio agricolo e di disincentivare la realizzazione di impianti di grande taglia, favorendo invece la diffusione di un sistema di generazione distribuito, come ad esempio quello promosso dalla misura del Reddito Energetico. La nostra agricoltura e lo splendido paesaggio della Capitanata vanno tutelati. In più pare che queste 5 pale facciano da apripista per un nuovo parco eolico che va assolutamente scongiurato contro il quale ci batteremo fortemente in regione”.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *