Primo Piano

“Nel Foggiano è uno scempio, uno spettacolo indegno, un delitto contro i pugliesi”

Morrone visita gli ex bagni Romagna alle porte di Manfredonia

“Intendo proporre, come Commissione parlamentare d’inchiesta, l’individuazione di ulteriori strumenti per coordinare le attività di contrasto al traffico di rifiuti e allo sversamento illegale di ecoballe in campagna, nelle cave, in zone di estremo pregio ambientale e a vocazione agricola, in particolare per poter avere una visione d’insieme sull’entità del fenomeno e per sostenere le amministrazioni comunali che non hanno obiettivamente i mezzi per intervenire singolarmente”. Lo ha dichiarato Jacopo Morrone, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su altri illeciti ambientali e agroalimentari, a conclusione della missione Puglia dove, accompagnato dai deputati commissari Carla Giuliano (M5s) e Marco Simiani (Pd-Idp), ha effettuato sopralluoghi nelle aree di abbandono nelle tre province di Bari, Barletta-Andria-Trani e Foggia. “Ringrazio le forze dell’ordine per l’impegno profuso quotidianamente, i prefetti e i procuratori capo delle tre province che ho avuto il piacere di incontrare – ha aggiunto – e con i quali ho un intrattenuto un proficuo confronto. La nostra attività è finalizzata alla collaborazione con gli inquirenti ma anche a individuare ipotesi di supporto, come per esempio la nomina di una figura commissariale a livello regionale, di coordinamento sull’abbandono dei rifiuti, ma si sta pensando anche a possibili soluzioni di carattere normativo per intervenire in maniera più incisiva su chi organizza questi traffici e su chi si presta alla materiale esecuzione”. “In questo senso – ha concluso – organizzeremo audizioni per acquisire tutti gli elementi da chi ogni giorno affronta questi problemi”.

“È uno spettacolo indegno. Uno scempio. Un delitto contro la Puglia e i pugliesi“. Così Jacopo Morrone, presidente della commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti, dopo la visita agli ex bagni Romagna alle porte di Manfredonia, dove nelle scorse settimane è stata scoperta una vera e propria discarica di ecoballe. La delegazione è in missione dall’altro giorno in Puglia. “Ecoballe a pochi metri dal mare – ha aggiunto – che deturpano un paesaggio, e spero che al più presto si possa fare chiarezza per chi ha compiuto questo delitto anche con l’utilizzo di foto trappole. C’è un’indagine in corso. Purtroppo questo fenomeno accade in diversi luoghi della Puglia, nelle discariche, nelle cave, nelle gravine, in posti bellissimi. Mi auguro che con la legge che con la commissione stiamo cercando di mettere su, si possa porre rimedio. Chiaramente non si può scaricare il problema sulle amministrazioni”. “Sarà necessario ragionare ha concluso – anche su un commissario regionale che possa in breve tempo ripulire, bonificare e mettere in sicurezza quei luoghi che vengono deturpati dai rifiuti che provengono non si sa da dove, forse dalla Campania e probabilmente il filone sulla terra dei fuochi avrà un collegamento specifico”.


Pubblicato il 8 Febbraio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio