Lavoro

Made in Italy, Dorabruschi: rinasce brand iconico della cosmetica e punta a nuovi mercati

(Adnkronos) – Novanta anni di storia e successi, una ‘rinascita’ iniziata meno di due anni fa, presenza in oltre 140 punti vendita, una vasta gamma di prodotti skincare e makecare, e ora lo sguardo rivolto a nuovi mercati, grazie a due imprenditori che hanno creduto nel potere del made in Italy riportando in auge la storia della cosmetica italiana: Dorabruschi 'rinasce' nel 2022 grazie all’intuizione di Mario Salvatori e Arcangelo D’Onofrio, due dinamici imprenditori con storie manageriali e imprenditoriali internazionali, attuali Ceo dell’azienda nata a Firenze nel 1934 da Berta Casamenti, in arte Dora Bruschi, fondatrice della storica realtà della cosmetica italiana, una donna all’avanguardia che ha ideato formule e prodotti unici dedicati alla pelle. Per i due imprenditori la 'scintilla' è scattata durante un periodo storico molto particolare, la pandemia: D’Onofrio era alla ricerca di un prodotto disinfettante per le mani da utilizzare per i collaboratori della sua azienda del Mugello e, attraverso il passaparola, si è ritrovato nei laboratori di Borgo San Lorenzo, sede di Dorabruschi. Ne parla subito con il collega e amico Mario Salvatori, allora basato in Asia che, rientrato in Italia, accoglie la sfida di scommettere su un brand storico dal forte potenziale racchiuso nell’eccellenza di formule che ancora oggi, dopo 90 anni, realizza con estrema cura e attenzione. Ed ecco così che nel 2022 i due decidono di acquisire l’azienda e procedere nel 'risveglio di Dorabruschi', come racconta la serie podcast in 5 puntate 'Un sogno che diventa impresa' realizzata da Dr Podcast per Dorabruschi.  Nella nuova squadra si è poi aggiunta Elena Verrazzani, farmacista e responsabile Marketing e Formazione di Dorabruschi, che, dopo aver incontrato Mario, si è innamorata del progetto, anche per l’aspetto 'made in Tuscany', e la storicità del brand. “Lo sviluppo del marchio passa per diversi step, il primo è di riconsolidare il marchio in Italia, perché il mercato si sta evolvendo in maniera significativa, per poi spostarci sul mercato estero, come Sud-Est Asiatico, Medi Oriente e Nord-America. Noi siamo una re-start up, perché il risveglio può dare molta più soddisfazione della partenza”, affermano Arcangelo D’Onofrio e Mario Salvatori, il primo imprenditore con esperienza trentennale nella tecnologia applicata alla moda luxury in Europa, e fondatore di Temera, una realtà aziendale leader nel settore che oggi conta oltre 150 dipendenti; il secondo manager di esperienza trentennale in multinazionali nel settore beauty e personal care, di cui oltre 20 passati all’estero tra Stati Uniti, Regno Unito ed Asia, nell’ambito commerciale e marketing. Con le sue tecnologie cosmetiche avanzate, caratterizzate dall’approccio scientifico di una regina della bellezza come Helena Rubistein che ha ispirato la fondatrice 90 anni fa, Dorabruschi, con il suo fare 'cultura della pelle', non ha mai deluso le aspettative dei consumatori che negli anni si sono avvalsi dei suoi prodotti. Oggi la nuova proprietà mira ad allargare gli orizzonti. "Il plus di Dorabruschi è di essere un’azienda che non è mai scesa a compromessi. Ha sempre portato avanti valori guida solidi e imprescindibili. I pilastri su cui si fonda il dna del brand sono efficacia provata di formule 'su misura', conoscenza e rispetto della pelle e dei suoi bisogni, utilizzo di principi attivi cosmetici di altissima qualità nelle concentrazioni necessarie a contrastare l’inestetismo cui sono destinate, e una ricerca continua realizzata in house, nello stabilimento di Firenze", concludono continuano i due founder.   —lavoro/made-in-italywebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 27 Marzo 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio