Dalla Banda di Orsara al Teatro alla Scala: il talento di Antonio Di Biccari
15 Dicembre 2021
Migliorare la vita dei bambini che vivono in condizioni di difficoltà adottando una Pigotta
15 Dicembre 2021

La versione winter del Carpino in Folk è una realtà

La versione winter del Carpino in Folk 2021 è una realtà. Il Carpino in Folk Winter Edition nasce da un’idea del Direttore Artistico Antonio Pizzarelli e dell’Associazione di promozione sociale Carpino in Folk con la collaborazione del Comune di Carpino, il patrocinio gratuito di Puglia Sounds e il supporto di tantissimi sponsors privati. Il 27 Dicembre apriranno il Carpino in Folk Winter Edition i Tarant Folk, formazione di giovani musicisti, che propone un viaggio musicale attraverso il meglio della tradizione. Dal suono ipnotico della tarantella al ritmo struggente della pizzica, il sound dei Tarant Folk è insostituibile. Laddove sentite chitarre e tammore, fermatevi e lasciatevi trasportare dalle emozioni che solo la musica popolare sa trasmettere. A seguire ci sarà la grande artista Maria Mazzotta con il suo Amoreamaro Live Tour. Un’intensa e appassionata riflessione, da un punto di vista femminile, sui vari volti dell’amore: da quello grande, disperato e tenerissimo a quello malato, possessivo e abusato. È “Amoreamaro”, il nuovo album di Maria Mazzotta, una delle personalità musicali tra le più emblematiche del Sud Italia. Già nel ‘Canzoniere Grecanico Salentino’, la Mazzotta è arrivata ad essere una delle voci più apprezzate del panorama della world music europea.

Dieci brani in tutto, di cui due inediti, che attraversano senza timore tutte le emozioni che questo sentimento può suscitare, trovando nel canto, come da tradizione popolare, la catarsi, la consolazione, la forza e la “cura”. Si va dagli stornelli ai brani di tradizione riarrangiati ed arricchiti con nuove sonorità e parole, sino alle pietre miliari che hanno lastricato la strada della grande canzone Italiana come “Lu pisci Spada” di Domenico Modugno, “Tu non mi piaci più” portata al successo da Gabriella Ferri e “Rosa canta e cunta” della grande cantautrice siciliana Rosa Balistreri. Ma il cuore del disco alberga nei due inediti in lingua salentina: “Nu me lassare”, una dolorosa ballata d’amore, un’invocazione a chi non c’è più, e la title track “Amoreamaro”, una pizzica, tradizionalmente ritmo risanatore per le “tarantolate”, che idealmente si prefigge di guarire un mondo malato.

A guidare musicalmente il tutto ci sono la fisarmonica ed il pianoforte del malgascio Bruno Galeone, al quale talvolta si uniscono i tamburi etnici e le percussioni dell’iraniano Bijan Chemirani (in “Tore Tore Tore”) e il didgeridoo di Andrea Presa (in “Amoreamaro”). L’illustrazione in copertina è un lavoro esclusivo di Simone Lomartire. Grafica di Giulio Rugge. L’album pubblicato il 10 gennaio 2020 da Agualoca Records, ha ottenuto un grande riscontro dal pubblico e dalla critica musicale. Il 2020 ha visto Maria Mazzotta tra i cinque finalisti delle Targhe Tenco nella sezione “Interprete di canzoni” (targa assegnata a Tosca); si classifica al nr. 8 (tra 708 nominati) tra i migliori dischi dell’anno nella World Music Chart Europe e al nr.9 della Transglobal World Music Chart, charts internazionali stilate da esperti giornalisti di settore; finalista al Premio Parodi dove riceve la sezione della giuria internazionale; si classifica al terzo posto al Premio Nazionale Città di Loano, il più prestigioso riconoscimento per la musica di tradizione in Italia, assegnato ogni anno alla migliore produzione musicale di ambito folk da una giuria composta da oltre cinquanta giornalisti specializzati e studiosi; selezionata per lo showcase all’International Kulturbörse di Friburgo (Germania) e alla Fira Mediterrania de Manresa (Spagna); finalista per il Preis der Deutschen Schallplatten Kritik (Germania) e per il FolkHerbst (Germania, novembre 2021); riceve il Premio Vincenza Magnolo.

A chiudere la prima serata ci saranno i Musici e Cantatori di Carpino, guidati dai fratelli Giuseppe e Marco Di Mauro, interpreti genuini di un importante patrimonio e testimoni autentici della tradizione popolare dI Carpino. Il loro spettacolo si propone di tramandare e promuovere attraverso musiche, canti e balli le tradizioni popolari del Sud Italia. Dal Gargano al Salento, a ritmo di tamburello e chitarra battente

Il 28 Dicembre sarà ancora una serata ricca di artisti, di musica e di emozioni. Apriranno la seconda serata del Carpino in Folk Winter Edition, Aliou Ndiaye feauturing Antonio Pizzarelli.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *