In scena Anna Serova, Tango Sonos e i Tangueros
22 Luglio 2021
Telemachus, il braccialetto che traccia il Covid
22 Luglio 2021

Il progetto di antimafia sociale e culturale destinato a venti studenti del territorio

Sensibilizzare i più giovani ai temi della legalità, dell’antimafia sociale, del riuso dei beni confiscati alla criminalità. Ma allo stesso modo avvicinarli alla scoperta dei luoghi d’arte del territorio, alle bellezze culturali e storiche, incentivando la loro creatività attraverso laboratori di ceramica e di scrittura e realizzazione di un fumetto capace di coniugare i temi della legalità e con quelli dell’arte. E’ questo il senso del progetto “Le strade della bellezza e della legalità” che si rivolge a venti studenti provenienti dal contesto urbano di Cerignola, con età dai 13/14 anni fino a 18/19 anni. Il progetto è finanziato nell’ambito dell’Avviso pubblico “Bellezza e legalità per una Puglia libera dalle mafie”, con cui la Regione Puglia ha selezionato interventi finalizzati a promuovere azioni di antimafia sociale attraverso iniziative che promuovono attività di animazione sociale e partecipazione collettiva di ricostruzione della identità dei luoghi e delle comunità. Come nel caso dell’iniziativa promossa dalla Cooperativa Sociale Altereco, con la Scuola Liceo “Zingarelli Sacro cuore” di Cerignola, la Cooperativa Sociale Frequenze e l’Associazione Verderamina. Il percorso che si intende offrire agli studenti partecipanti, quindi, è un cammino che mira a promuovere la legalità, intesa come educazione alla corresponsabilità sociale, per sviluppare la coscienza etica personale e comunitaria, favorendo la rete dell’associazionismo e della responsabilità del bene comune. Attraverso la loro formazione ed informazione si punta a fornire ai giovani beneficiari gli strumenti culturali necessari per “difendersi”, per conoscere, per sottrarsi alla morsa della violenza o della criminalità, per conosce la propria terra e amarla, contribuendo a trasformare quei luoghi un tempo simbolo de potere mafioso in avamposti di giustizia, di sviluppo, di economica pulita. I beneficiari del progetto saranno dunque coinvolti nelle seguenti attività: Censimento dei principali luoghi d’arte e luoghi della storia mafiosa cerignolana (40 ore); Analisi delle potenzialità a livello attrattivo e turistico degli stessi luoghi e della loro possibilità di riuso (40 ore); Laboratorio per la creazione artistica di una mappa interattiva dei luoghi storico artistici e dei luoghi caratterizzanti la storia mafiosa della città (50 ore); Laboratori artistici per la realizzazione di insegne artigianali in ceramica, che segneranno il percorso per giungere nei principali luoghi di interesse con delle frecce direzionali (100 ore); Creazione di un fumetto per raccontare frammenti di storia fra arte e legalità (100 ore).

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *