Coldiretti Puglia, pane mai così ‘salato’, +14%
20 Settembre 2022
Prese in gestione le reti idriche e fognarie del Comune di Accadia
21 Settembre 2022

Il Foggia ha ancora molto da lavorare e migliorare

Due risultati utili quelli conquistati dal Foggia di Boscaglia nelle ultime due giornate ma ciò non deve far dimenticare le sette reti incassate dopo quattro giornate e le prime due sconfitte di fila alle prime due giornate. Tra l’altro un gol evitabilissimo contro il Potenza e la fortuna o bravura del portiere che ha parato un calcio di rigore nei minuti finali al giocatore potentino che avrebbe così inferto un’altra sconfitta. Un giudizio completo non lo si può ancora dare, neanche dopo la prossima ma il bilancio non può essere positivo, si deve ambire a fare di più ed in modo più organizzato dalla metà campo in su, sfruttando meglio le corsie esterne e finalizzando perché se le reti incassate sono tante, i gol fatti latitano, soltanto tre in quattro gare, una media bassissima di 0,75 gol a partita. Il Foggia attualmente viaggia nella zona di classifica pericolosa e basta un passo falso ulteriore per farsi risucchiare ulteriormente in zone che non merita la piazza di Foggia e gli stessi sacrifici economici compiuti dalla proprietà. Le premesse alla vigilia del campionato erano tutt’altro anzi anche alla presentazione del tecnico Boscaglia, il quale si è presentato con ambizioni da vertice. Un Foggia che deve alzare il tasso di attenzione ed aumentare il pressing. Nonostante ciò Boscaglia al termine della gara ha difeso la squadra a spada tratta: “Nel primo tempo la gara si era indirizzata nel binario migliore per loro, ma poi siamo cresciuti e prodotto gioco ed è stato tutto più equilibrato. Nella ripresa abbiamo premuto sull’acceleratore, pareggiando ed avremmo meritato ampiamente il raddoppio”. Un Foggia però che si è esposto a contropiedi che avrebbero potuto costringerla ad una sconfitta, forse eccessiva secondo il tecnico però sta di fatto per vincere bisogna tirare maggiormente nello specchio della porta anche non dominando necessariamente, e sabato sera arriverà il Pescara di mister Colombo, molto aggressivo e che tenderà a giocare pallone su pallone, esponendo anche il fianco ad eventuali contropiedi per i Satanelli che dovranno saperne approfittare, visto la superiorità tecnica dell’avversaria sulla carta e di fatto anche in classifica con ben nove punti. (Ph. Calcio Foggia).

M.I.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *