Primo Piano

Il Calcio Foggia rischia di non iscriversi al prossimo campionato di Lega Pro

La sindaca avrà adesso un'interlocuzione in forma riservata con Maria Assunta Pintus, socia di minoranza e riferimento della Map Consulting

In una nota del club rossonero si fa luce sulla cessione del club da parte del Presidente Canonico, determinato a lasciare la presidenza e gli eventuali scenari sulla detenzione del titolo sportivo da parte del comune che non sembra, allo stato attuale, interessato a volersi fare carico della situazione. Il Presidente Nicola Canonico ha avuto un incontro con la sindaca Maria Aida Episcopo per fornire chiarimenti sulla situazione attuale del club rossonero.
Dopo aver illustrato il quadro generale alla prima cittadina, la dott.ssa Episcopo ha esortato il Presidente a rimanere alla guida del Calcio Foggia 1920 al fine di garantire l’iscrizione della squadra al prossino campionato di Lega Pro, ed evitare la dispersione delle energie e dei sacrifici fatti fino ad oggi. Tuttavia, quest’ultimo è rimasto saldo nelle sue decisioni e ha confermato la volontà di lasciare il club per fatti noti alle cronache come intimidazioni e offese, e ha ribadito che nel caso in cui le quote non venissero rilevate, non procederà all’iscrizione del club alla stagione sportiva 2024/2025 della Lega Pro, salvo immediati interventi finanziari da parte del socio di minoranza Map Consulting srl che fa capo alla dott. Maria Assunta Pintus. Per quanto riguarda il quadro generale della società di Via Gioberti, il club ha tenuto a precisare che le quote societarie saranno messe a disposizione di qualsiasi soggetto interessato all’acquisizione, gratuitamente. Inoltre, sempre il Presidente Canonico ha reso noto che è disposto a rinunciare a tutti i finanziamenti e versamenti in conto capitale soci apportati al club, oltre € 4.000.000,00, a cui si aggiungono € 850.000,00 di sponsorizzazioni riconducibili alle sue società. La debitoria del Calcio Foggia 1920 corrisponde a € 6.289.043,00 al 31/03/2024 ma che al netto dei finanziamenti soci, dei crediti e della disponibilità bancaria è di solo € 2.371.827,00, a fronte di € 2.577.518,00 ereditati dalla precedente gestione, così come da dati di bilancio approvati. È stato inoltre sottolineato che, nell’ultimo triennio, la Map Consulting (società della Dott.ssa Pintus) ha versato nel club esclusivamente la somma di € 38.136,00, cifra che evidenzia la differenza tra i contributi forniti al Calcio Foggia 1920 per garantirne la sopravvivenza. Si rende infine noto che il Tribunale di Foggia ha dichiarato che il Calcio Foggia 1920 non ha in corso procedure di liquidazioni giudiziale, di fallimento, di amministrazione straordinaria, di liquidazione coatta amministrativa, né sono state presentate domande per l’ammissione al concordato preventivo o per l’omologazione degli accordi di ristrutturazione. (ph. Calcio Foggia)

Tess Lapedota


Pubblicato il 10 Maggio 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio