Sui Monti Dauni la didattica a distanza è possibile anche grazie a “Pietra 2.0”
17 Marzo 2020
Insorgono gli studenti: “Che ne sarà dell’anno scolastico e dell’Esame di Stato?”
18 Marzo 2020

Il bastone fiorito di San Giuseppe

E’ noto che i proverbi e i modi di dire racchiudono tracce di storia e di cultura e perciò sono un patrimonio da tutelare e tramandare alle future generazioni. Tra le numerose tradizioni apocrife del Vangelo è opportuno ricordare la storia del bastone di San Giuseppe. Molti, infatti, quando entrano in una chiesa il Santo, solitamente è rappresentato con il bambino Gesù in braccio, oppure che tiene per mano, mentre con l’altra impugna un bastone fiorito. Tale immagine è presente nella Chiesa di San Giuseppe a Bari Vecchia. Ma perché, molti si domandano il bastone di San Giuseppe è fiorito? Tra le tante storie la più originale racconta di una discussione avvenuta tra il falegname Giuseppe ed alcuni amici allorchè si era diffusa, a Nazareth, la notizia che la vergine Maria era incinta. Gli amici, allora, chiesero a Giuseppe se si fosse accoppiato prematuramente con la giovane. Passatosi una mano tra i capelli, con un sospiro rassegnato, fissando negli occhi i suoi compagni, sottolineò che non c’era stato niente fra lui e Maria. Osservavano la Legge scrupolosamente. Allora gli amici scusandosi chiesero chi diamine fosse stato. Un angelo del Signore, rispose stancamente Giuseppe, sentendosi forse anche un po’ stupido. La potenza dell’Altissimo, in verità aveva steso la sua ombra su Maria. Giuseppe con la forza della fede nel suo Dio ne era consapevole. Poi lanciò un severo sguardo ai suoi amici e contemporaneamente affondò la punta del suo bastone nella via polverosa che stavano percorrendo insieme. Improvvisamente si fermò. Attese educatamente la reazione dei compagni che risero dando delle gran pacche sulle spalle a Giuseppe. Questi teneva, intanto, ben saldo il bastone nel pugno, rimase in silenzio, impassibile nell’attesa che passasse la ridarola di quelli. Per un istante i due rimasero spiazzati. Non ci volevano credere. Giuseppe continuò a ripetere fino alla nausea il suo racconto incredibile, per i compagni che si davano di gomito con l’aria di chiedersi: ma veramente Giuseppe può essere tanto idiota? Tuttavia di fronte alla fermezza dell’onesto e giusto falegname uno dei giovani replicò che se veramente Maria era rimasta incinta, come seriamente lui sosteneva , il legno del suo bastone doveva fiorire all’istante. A quell’invito, dal bastone di Giuseppe immediatamente fiorì un maestoso giglio lasciando attoniti gli increduli e miscredenti amici.

Gianfredi Vozzi

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *