I detenuti diventano operatori della ristorazione
18 Luglio 2019
La traversata a nuoto delle Isole Tremiti, tra sport e beneficenza
19 Luglio 2019

“I racconti di Montecorvino. Resti, reperti, ricostruzioni, visioni”

Sabato 20 luglio, dalle ore 16.30 alle 19.30, sul sito archeologico del comune di Volturino, dove volge a conclusione la tredicesima campagna di scavi condotta dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Foggia e sostenuta dal Comune di Pietramontecorvino, si terrà una manifestazione dal titolo: “I racconti di Montecorvino. Resti, reperti, ricostruzioni, visioni”. L’iniziativa intende fornire alle comunità dei Monti Dauni e ad un pubblico di appassionati e curiosi notizie delle ricerche scientifiche attualmente in corso in questa città medievale scomparsa; i resti materiali consentono di ricostruire storie, vicende, figure sociali, eventi dell’abitato e permettono dunque di ascoltare quello che Montecorvino ci racconta. La presentazione dei dati e delle informazioni archeologiche verrà effettuata in maniera varia e articolata: ci saranno cioè diversi, ma integrati, racconti su Montecorvino. Gli archeologi dell’Università di Foggia mostreranno i risultati dell’indagine stratigrafica, illustrando in particolare le scoperte di questi giorni (un lungo segmento delle mura di cinta, strutture delle cattedrale da tempo nascoste, un nuovo tratto del fossato castrense, numerose fosse granarie, manufatti ceramici, vitrei, metallici, ossei di particolare interesse, etc.); l’associazione di rievocazione storica Imperiales Friderici II allestirà scene e installazioni in costume e creerà ambientazioni che suggeriranno quadri di vita della città in età svevo-primoangioina; la start up AuralTech presenterà un progetto di realtà virtuale (con il quale ha vinto il Bando PIN – Pugliesi innovativi), ovvero un’esperienza tridimensionale visiva all’interno della cattedrale e un’immersione totale nel riverbero naturale della chiesa, attraverso suoni e musiche. Questo intreccio di forme comunicative vuole servire a una più ampia e allargata conoscenza di questo patrimonio storico-archeologico da parte delle collettività locali e a suscitare un dibattito sul suo destino futuro.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *