10 mila famiglie pugliesi rischiano di restare senza tetto
14 Maggio 2021
L’Archeoclub recupera e restaura l’antico orologio della chiesa madre
15 Maggio 2021

Germinio: “Vogliamo vincere il derby per un’intera città, i nostri tifosi e società”

Proseguono gli allenamenti in casa rossonera, dove ieri mattina c’era Igor Kolyvanov, l’ex bomber rossonero, a dare un virtuale “in bocca al lupo” a Gavazzi e compagni in vista del derby di mercoledì pomeriggio, spiegando come si fa ad espugnare il San Nicola di Bari, impresa che è riuscita l’ultima volta in Coppa Italia, il 9 agosto 2015, con in panchina per i diavoli rossoneri, mister De Zerbi, vinsero per 1-2 con le reti di Gigliotti e Floriano, mentre per il Bari accorciò le distanze Marino Defendi, in panchina al Bari c’era gente come Castrovilli (ancora non sbocciato) Caputo, Galano, Di Noia e Micai, quest’ultimo promosso con la Salernitana in A. In campionato l’ultima vittoria al San Nicola risale alla serie con il punteggio di 1-2 l’autorete di Zanchi ed il gol da parte di Di Michele consegnarono ai rossoneri una vittoria in rimonta contro il Bari di Eugenio Fascetti che conquistò la promozione sul fotofinish ed alla penultima di campionato andò a pareggiare allo ‘Zaccheria’ per 1-1 (Ventola portò in vantaggio il Bari e Colacone pareggiò a dieci minuti dalla fine). La squadra foggiana agli ordini mister Marchionni ieri ha svolto: attivazione tecnica, circuito di mobilizzazione, torello ed esercitazioni sulle fasi di possesso palla, a seguire resistenza aerobica e partitella a tema a ranghi misti, con il ritrovato Gavazzi e Agostinone. Attivazione e lavoro sulla potenza esplosiva per i portieri, guidati da mister Carafa. Questo pomeriggio seduta unica allo Zac. Ieri in conferenza la società ha fatto parlare attraverso una nota ufficiale sul sito. Il difensore centrale Gabriele Germinio. 25 presenze ed un’unica rete contro il Potenza nel girone di andata: “Il mio personale bilancio è molto positivo, considerando tutto ciò che è successo ad inizio stagione ed i risultati raggiunti con largo anticipo. Merito di tutti, del sacrificio e della voglia di un gruppo caparbio e grintoso. Siamo consapevoli che affronteremo una squadra forte e motivata come il Bari, sicuramente costruita per un campionato diverso dal nostro. Il derby? Ci arriviamo con serenità, siamo consapevoli di quanto sia importante per la società, i tifosi e l’intera città, non servono particolari stimoli o motivazioni, sappiamo benissimo cosa significa. E’ una partita fuori pronostico, ci arriveremo convinti di poter fare bene. Cosa significa giocare nel Foggia? Ti fa capire se puoi fare il calciatore o no”. (Ph. Calcio Foggia).

M.I.

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *