Ancora disagi e viabilità a singhiozzo per il maltempo, in provincia di Foggia la terra frana
6 marzo 2018
Coldiretti, in Puglia una lista di “incompiute”
7 marzo 2018

Forza Italia: “In Puglia ora la guida del centrodestra spetta a noi”

“In Puglia Forza Italia sfonda il 20%, si attesta primo partito della coalizione e supera di 9 punti i dati delle scorse elezioni regionali e di 6 punti l’attuale media nazionale. In un contesto di grande affermazione del M5S, potevamo fare meglio ma non siamo andati affatto male. Anzi, siamo cresciuti”. Lo dichiara il neo eletto senatore di FI e coordinatore regionale del partito in Puglia, Luigi Vitali. “Peraltro – aggiunge – queste elezioni ci consegnano un dato
importante: in Puglia sono cambiati gli equilibri e le leadership. Raffaele Fitto, da tempo considerato il leader del centrodestra pugliese, – conclude Vitali – non ha apportato un
contributo significativo e lascia a Forza Italia, in modo inconfutabile ed incontrovertibile, la responsabilita’ di guidare la coalizione verso le prossime sfide elettorali che
verranno”. Il M5S e’ il primo partito incontrastato in Puglia, mentre il secondo e’ Forza Italia che arriva quasi al 20%. Solo terzo il Pd con il 13.5%. Significativa e’ l’affermazione della Lega che nella regione attiene una percentuale che supera il 6%. In Puglia il 69,1% degli elettori si e’ recato al seggio per il rinnovo della Camera dei Deputati. Si tratta di una media inferiore a quella nazionale, che e’ del 72,9% e sostanzialmente in linea con l’affluenza delle politiche precedenti, che fu del 69,8%. Sostanzialmente identica la percentuale di voto al Senato. Nel resto d’Italia e’ il Veneto la regione al top per affluenza alle elezioni politiche: ha votato il 78,85% degli aventi diritto al Senato ed il 78,72% alla Camera. In Sicilia si
e’ invece registrata la piu’ bassa partecipazione (62,99 al Senato e 62,72% alla Camera). In media l’affluenza e’ 73,01% al Senato e 72,91% alla Camera. Alle precedenti consultazioni politiche, nel 2013, quando si era votato pero’ in due giornate, l’affluenza era stata di un paio di punti piu’ alta: 75,26% al Senato e 75,24% alla Camera. Come da tradizione, al Sud c’e’ stata la piu’ alta quota di astensione delle urne: dopo la Sicilia ci sono Calabria (63,54% al Senato e 63,65 alla Camera) e Sardegna (65,83% al Senato e 65,40% alla Camera). Mentre nelle regioni del Centro-Nord c’e’stata la maggiore affluenza: dopo il Veneto, ci sono Emilia Romagna (78,30% al Senato e 78,26% alla Camera) e Umbria (77,96% al Senato e 78,23% alla Camera).

Fitto: “Risultato al di sotto delle aspettative”

“E’ stato un risultato elettorale al di sotto delle aspettative, siamo comunque soddisfatti di aver contribuito ad essere nella coalizione che ha avuto miglior successo. Il risultato fa parte del contesto piu’ generale con un consenso che ha determinato una vittoria per il Movimento Cinque Stelle. Comunque il centrodestra viene fuori come coalizione piu’ forte. Poi partendo dagli amici eletti negli uninominali, 8,4 alla Camera e 4 al Senato, vogliamo ripartire col percorso fatto, per poter proseguire sulla linea indicata e dare il nostro contributo”. Cosi’ Raffaele Fitto leader di Noi con l’Italia Udc.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *