Caporalato: si paga più la bottiglia che il pomodoro contenuto
21 Febbraio 2020
La magia delle bande musicali a Bovino, Candela, Monteleone e Orsara
22 Febbraio 2020

Figlio disabile senza assistenza, la mamma lo ritira dalla scuola e denuncia tutti

“Stamattina sono stata costretta a ritirare dalla scuola mio figlio perché non avrebbe avuto l’Oss (Operatore socio sanitario) come mi aveva promesso l’assessora comunale di Foggia alle politiche sociali Raffaella Vacca. Stanno negando il diritto allo studio ad un bambino”. Inizia così il video messaggio postato sulla propria pagina Facebook da Loredana De Cata, la mamma con disabilità motoria che martedì soccorso, 18 febbraio, si è incatenata ai cancelli della scuola “Santa Chiara Pascoli Altamura” di Foggia. La donna aveva così protestato per chiedere assistenza per il figlio di 12 anni che frequenta la prima media nell’istituto foggiano, affetto da una paralisi cerebrale infantile: è in carrozzina, non parla non mangia da solo ed ha un grave ritardo cognitivo. “Martedì l’assessora Vacca è venuta davanti ai cancelli della scuola promettendomi che avrebbe prontamente risolto la questione, ma così non è stato”. Poi, secondo la mamma, c’è stato un rimpallo di responsabilità tra assistenti sociali e comune. Ieri mattina Loredana De Cata si è recata in questura per sporgere denuncia per “abbandono di minore incapace”, raccontando che lo scorso 7 febbraio il bambino è stato lasciato senza insegnante di sostegno, lasciandolo “seduto in classe dalle 9.15 alle 12.45 sempre nello stesso posto senza bere, senza mangiare, nel suo stato di abbandono ha espletato i bisogni fisiologici nel suo pannolino, rimanendo bagnato per tutto il tempo”. Nella denuncia si legge ancora: “Di fronte a questi gravi episodi ho cercato di trovare delle soluzioni pacifiche sia con la dirigente scolastica che con le istituzioni locali, assessore alle politiche sociali e assistenti sociali, ma nessuno mi ha voluto dare aiuto rinviandomi all’Asl. Non avendo garanzie e per la tutela di mio figlio sono stata costretta ritirare mio figlio da oggi dalla scuola non essendoci i presupposti per la difesa della sua salute”.

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *