Ossigeno-ozono terapia per la cura del Covid-19, il Policlinico primo in Puglia
25 Aprile 2020
Foggia entra in “Football rail”, “l’alfabeto delle città del calcio”
25 Aprile 2020

Fenealuil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil dettano le condizioni per la riapertura dei cantieri

“Siamo ormai prossimi all’inizio della Fase2 e, con la consapevolezza che occorre ripartire gradualmente e in sicurezza e che la salute viene sempre prima del profitto, chiediamo che, all’apertura dei cantieri, datori di lavoro, enti e istituzioni preposte e forze sociali s’impegnino per garantire cinque condizioni per noi irrinunciabili”. Si aprono così le considerazioni con le quali Juri Galasso, Giovanni Tarantella e Urbano Falcone, Segretari Generali di Fenealuil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil presentano i cinque pilastri che i sindacati delle costruzioni indicano come punti cardinali per la ripartenza. “Nel dettaglio: 1.rispetto protocolli di prevenzione
Rispetto dei protocolli di prevenzione già sottoscritti con Istituzioni, Associazioni imprenditoriali e Stazioni Appaltanti;2.fornitura dispositivi di protezione individuali Rendere disponibili in quantità sufficienti i Dispositivi di Protezione Individuali necessari per i lavoratori quali mascherine, guanti, tute ecc. – oltre a sanificare gli ambienti di lavoro;
3. verifiche degli organi ispettivi Verificare attraverso gli organi ispettivi e le forze di polizia, oltre agli Enti Bilaterali ed agli RLS (Rappresentanti Lavoratori Sicurezza), il rispetto delle misure di prevenzione previste e sanzionare gli imprenditori inadempienti;
4. tavoli permanenti di confronto. Attivare presso le Prefetture e le principali stazioni appaltanti specifici tavoli 5. certezza in controlli e sanzioni. Prevedere reali sanzioni per tutti gli imprenditori che, in modo irresponsabile, riapriranno i cantieri senza garantire il rispetto dei Protocolli anticontagio e la sicurezza dei lavoratori”, affermano Galasso, Tarantella e Falcone che proseguono: “È indispensabile che ciascuno faccia la propria parte se non vogliamo ripiombare in men che non si dica in un nuovo lockdown e rendere ancora più grave il quadro economico del Paese. Noi continueremo a vigilare e a monitorare la situazione pronti a intervenire in caso di irregolarità e, al tempo stesso, invitiamo tutti i lavoratori a segnalarci tempestivamente ogni possibile abuso. La salute prima di tutto”.

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *