Salute

Farmaceutica, Merck: “Italia competitiva con norme e finanziamenti adeguati”

(Adnkronos) – "Se come Pese vogliamo" essere "attrattivi" e "concorrenziali a livello globale, abbiamo bisogno di un quadro normativo e regolatorio che riconosca la farmaceutica come un settore strategico e un finanziamento adeguato alla domanda di salute e migliorare l'accesso alla cura". Lo ha detto Ramón Palou de Comasema, presidente e amministratore delegato Healthcare – Merck Italia, a Roma in occasione dell'evento Adnkronos Q&A 'Salute e sanità, una sfida condivisa'. Merck crede in questo Paese. "Probabilmente – ha sottolineato il manager – siamo l'unica multinazionale farmaceutica con capitale estero che dà valore a tutta la filiera dell'healthcare, con 5 sedi" a livello nazionale differenziate "in Ricerca & Sviluppo e produzione. Da qui esportiamo in 150 Paesi. Nel periodo 2015-2022, l'investimento che Merck ha fatto in Italia supera i 320 milioni di euro". Colpisce "il livello dei ricercatori in Italia: è elevatissimo", ha rimarcato Palou de Comasema. Anche per questo "nel triennio 2020-2022 abbiamo realizzato 85 studi clinici con 5.500 pazienti. Probabilmente l'Italia, dopo gli Stati Uniti e la Cina, è un Paese al top, a livello di sviluppo di conoscenza scientifica". "L'industria farmaceutica in Italia può essere protagonista in Europa e nel mondo – ha evidenziato il presidente e Ad – grazie alla sua eccellenza in sinergia con la filiera industriale e distributiva che sta facendo leva sulla qualità del Servizio sanitario nazionale e del valore dei professionisti sanitari. Ma non possiamo nascondere che i tempi di accesso a una nuova terapia, in Italia, sono vicino ai 14 mesi" contro i "4 mesi della Germania". Dobbiamo dialogare, per una "rinnovata attenzione delle istituzioni nazionali nei confronti del settore". —salutewebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 21 Marzo 2024

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio