Cronaca

Due “Sartorie Solidali” per ricucire vestiti e relazioni sociali

Sono quattro le macchine da sartoria e da cucire che entreranno in funzione nell’ambito del progetto “Sartoria solidale”, promosso dall’associazione Fratelli della Stazione e sostenuto dalla Banca della Campania nell’ambito dell’iniziativa di solidarietà “Sotto una buona stella”. Due i punti di “Sartorie Solidali” che saranno inaugurati domani. La prima consegna si svolgerà presso i locali della parrocchia di Santa Maria del Grano, a Borgo Mezzanone, il piccolo centro in cui è presente il Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo e Rifugiati Politici; l’inaugurazione è prevista alle ore 10 alla presenza di Dina Diurno, della Caritas di Borgo Mezzanone, e dei volontari dell’A.P.S. Auxilium – Borgo Mezzanone. La seconda, invece, si svolgerà in via Campanile, nei locali della Caritas diocesana Foggia-Bovino, alla presenza di don Francesco Catalano, direttore della Caritas. A consegnare i macchinari a Borgo Mezzanone ed a Foggia saranno alcuni volontari dell’associazione Fratelli della Stazione, da oltre quindici anni impegnata sul fronte dell’accoglienza dei senzafissadimora e dei migranti che vivono nel capoluogo dauno. Attraverso la raccolta fondi supportata in questi mesi dalla Banca della Campania, dunque, sono stati donati 2.550 euro; fondi utilizzati per l’acquisto di due macchinari e dei materiali che serviranno per l’attivazione del progetto. Altri due piccoli impianti, invece, sono stati donati da Vincenzo Maffei, titolare del negozio Singer. L’obiettivo delle “Sartorie Solidale”, quindi, è di restituire dignità ai cittadini italiani e migranti che vivono in uno stato di indigenza, di povertà e che molto spesso indossano stracci recuperati tra la spazzatura, che si arrangiano con indumenti che non sono della loro stessa taglia o che sono deformati, lacerati, sfoderati. «Perché si può essere poveri, ma con dignità, anche vestendo abiti puliti ed ordinati» dicono i promotori del progetto che, oltre a rivestire le persone in condizione di svantaggio economico e sociale, punta a «promuovere processi di inclusione, a creare ponti di relazione, a ricucire dei rapporti umani».


Pubblicato il 9 Ottobre 2015

Articoli Correlati

Back to top button