La scuola “Dada” apre le sue porte per l’Open Day
27 Novembre 2019
Iniziano i lavori di messa in sicurezza della Carapelle-Stornarella
28 Novembre 2019

Cresce il “Parlamentino” dell’Università di Foggia

Il rettore Pierpaolo Limone ha presentato la sua squadra e programma di governo che caratterizzerà i prossimi 6 anni di UniFg (37 delegati), che “Il loro operato – continua – rappresenterà un sostegno importante alla governace dell’ateneo. Un lavoro strategico, mai banale, orientato verso un obiettivo comune: far crescere l’ateneo e renderlo sempre più centrale nella vita di questo territorio”. Ecco i 37 Università di Foggia, nominati 37 delegati: i prorettori Agostino Sevi (Personale) e Giuseppe Carrieri (Area medica e scuole di specializzazione). Ma la lista lunga conta molte riconferme e alcune novità: Antonio Ambrosi (Rapporti con il servizio sanitario nazionale), Barbara Cafarelli (Didattica), Antonella Cagnolati (Pari opportunità), Giuseppe Calabrese (rapporti con le aziende), Anna Maria Campanale (Formazione in ambito penitenziario), Nazzareno Capitanio (Ricerca), Giulio Cappelletti (Performance socio-ambientali), Maria Caroprese (Placement), Gilda Cinnella (Skill labs e formazione innovativa in area medica), Donatella Curtotti (Sport), Daniela Dato (Orientamento), Caterina De Lucia (Sostenibilità economica dello sviluppo del patrimonio immobiliare), Vera Fanti (contratti e appalti), Gabriele Fattori (sistema bibliotecario), Mario Pio Fuiano (Affari generali), Luca Grilli (Dati e flussi informativi), Isabella Loiodice (Formazione), Pierpaolo Magliocca (Welfare aziendale), Maria Grazia Masselli (Dottorato), Giovanni Messina (Terza missione e trasferimento tecnologico), Massimo Monteleone (Grant office), Luigi Nappi (Innovazione tecnologica in area medica), Giuseppe Nicoletti (Bisogni educativi speciali), Antonello Olivieri (Studenti), Rossella Palmieri (Comunicazione e rapporti con il territorio), Claudia Piccoli (Relazioni internazionali), Vittoria Pilone (Sostenibilità), Chiara Porro (Erasmus), Maurizio Quinto (Informatica), Mauro Romano (Bilancio), Giandomenico Salcuni (Educazione alla legalità), Edgardo Sica (Strategia Hr), Antonio Stasi (Innovazione sociale), Michele Trimarchi (Riservatezza, trasparenza, anticorruzione) e Maria Turchiano (Archivi e sistema museale). I delegati del nuovo corso targato Pierpaolo Limone saranno 37 (erano 11 con Maurizio Ricci). L’università “smart” del giovane magnifico punterà sulla “condivisione” dei processi, sia all’interno (per questo la squadra si è allargata molto) che all’esterno. Ognuno avrà il proprio indirizzo specifico, sul solco delle attività già portate avanti dai singoli docenti negli anni. Secondo Limone così sarà “più agevole l’attività di coordinamento”, per evitare qualsiasi discrasia di processo capace di dispiegare effetti negativi sulla programmazione, già di per sé complicata per via delle dinamiche di assegnazione delle risorse. Negli ultimi sei anni il Fondo di finanziamento ordinario per l’Unfg è aumentato del 20%, un risultato straordinario che permette metter mano alle progressioni verticali e orizzontali non appena ci sarà la disponibilità economica.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *