Il regolamento congressuale di Boccia riapre i giochi nel Pd pugliese
18 Gennaio 2023
Gestione e conservazione del lupo nell’area del Parco
19 Gennaio 2023

Concerto del pianista e compositore Antonio Simone

L’Associazione Amici Jazz San Severo, nell’ambito della rassegna artistica internazionale San Severo Winter Jazz Fest, come ogni anno, porge l’attenzione sui nuovi talentuosi musicisti jazz pugliesi.

E’ la volta del pianista e compositore Antonio Simone,  Cerignola – classe 1985, straordinario musicista pugliese cresciuto e formatosi presso la rinomata Accademia Nazionale del Jazz “Fondazione Siena Jazz”, con insegnanti del calibro di Paolo Birro, Stefano Battaglia, Stefano Onorati, Aaron Goldberg, John Taylor, Peter Martin ecc…Nel percorso trascorso durante la stessa accademia ha subito conquistato l’interesse altrui ottenendo l’incarico di pianista della SJU [Siena Jazz University] Big Band e SJU Ensemble collaborando con alcuni dei più grandi nomi del jazz italiano (Achille Succi, Maurizio Giammarco, Roberto Spadoni, Pietro Condorelli, Enrico Morello). Durante la sua crescita musicale ha frequentato la scuola di perfezionamento musicale presso l’accademia “Città di Castellanza” seguendo i corsi tenuti dal M° Sante Palumbo, e si è diplomato in Pianoforte Classico presso il Conservatorio di Musica “N. Piccinni” di Bari.

Insieme al suo trio composto da Angelo Verbena al contrabbasso e basso elettrico e Marcello Spallucci alla batteria presenterà il suo ultimo e recente lavoro discografico “On My Path”, opera meravigliosa che ad ottobre scorso è stato presentato al The Players Club Gramency di New York e altri jazz club della grande mela e successivamente a Madrid presso il Big Mama Swing e al El Despertar Cafè, riscuotendo ampio successo di pubblico e critica specializzata. [Musica Jazz, Jazzitalia, Roma In Jazz, Puglia Eccellente]

Lo studio del pianoforte jazz e di queste sonorità, hanno permesso al pianista di esibirsi in diversi festival e jazz club riscuotendo un ottimo indice di gradimento come quello ottenuto nel Maggio 2012 per il “Piano City Festival” di Milano, per la categoria giovani pianisti jazz ottenendo oltre alle approvazioni del pubblico un passaggio televisivo per Raitre TgR Lombardia, il Jazzit Fest di Luciano Vanni a Montegrosso in compagnia di due ospiti del calibro di Giuseppe Bassi al contrabbasso e Gaetano Partipilo al sax.

Un progetto musicale di carattere autobiografico. Attraverso la scrittura dei brani contenuti in questo album il pianista racconta il proprio percorso e la propria crescita, sia musicale che personale. Tramite le proprie composizioni e per mezzo della sua espressività il pianista incentra il discorso musicale su quello che viene definito “suonare se stessi”, un’abilità e una conquista non molto facile da raggiungere e ricercata da ogni artista. Dopo diversi anni dì studio inerente il linguaggio della musica jazz, il pianista ha deciso dì provare a scavare dentro dì sè elementi significativi ed aspetti emotivi vissuti durante alcuni periodi della sua vita, per dar vita alle diverse composizioni originali contenute in questo album.

L’originalità che ne deriva, dà vita ad una produzione che mette al centro dell’attenzione non solo la stessa materia musicale, ma anche un connubio tra Musica e Filosofia dando vita a composizioni dal titolo significativo-evocativo tra cui “Looking for my self”. Uno specifico omaggio al filosofo-matematico polacco Alfred Korzibsky (esponente della semantica generale) che è al centro del progetto “Musica e Filosofia”.

I brani del disco presentano un sound dì riferimento jazz europeo, fresco, swingante, con diverse influenze stilistiche.

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *