Asset Puglia e Asl Foggia: stretto il patto di cooperazione
5 Agosto 2022
“Una legge per l’Unità di Valutazione Interna nelle RSA”
6 Agosto 2022

Completati gli interventi nell’impianto di Punta S. Francesco

Un sistema di trattamento per la filtrazione chimico-fisico a secco dell’aria è la soluzione individuata e messa in opera da Acquedotto Pugliese (AQP) per migliorare il sistema di depurazione di Vieste, garantendo l’abbattimento delle emissioni odorigene prodotte dall’impianto di sollevamento di Punta S. Francesco. “Abbiamo ripreso un pezzo importante del centro storico – aggiunge Giuseppe Nobiletti, sindaco di Vieste – eliminando quei cattivi odori che in passato non consentivano di vivere pienamente la zona. Il prossimo passo sarà riconvertire l’area dell’ex depuratore, recuperando l’immobile, abbellendo l’area e recuperandola del tutto nella fruibilità pubblica”

“Tra le attenzioni che Acquedotto Pugliese ha per i territori – spiega Rossella Falcone, consigliera del Cda di AQP – c’è l’utilizzo di tecnologie che riducono i costi sociali ed i disagi delle opere. È il caso di questo intervento a Vieste, in una zona tra le più affascinanti del borgo antico ed anche tra le più visitate. Erano tante le istanze, soprattutto delle attività economiche legate al turismo, per trovare una soluzione. Le abbiamo ascoltate e l’intervento messo a punto e realizzato da AQP ha reso pienamente fruibile per tutti un punto molto suggestivo della città”.

“L’impianto soprattutto durante i periodi estivi di maggiore afflusso turistico è stato sottoposto a notevoli carichi che, in passato, hanno determinano emissioni odorigene più o meno intense, ma da questa estate – conclude Marco D’Innella, manager della Struttura Territoriale Operativa FG/AV – grazie ai lavori di AQP la situazione è completamente diversa e migliorata. L’intervento eseguito, con un finanziamento di oltre 70 mila euro, ha drasticamente ridotto le emissioni in atmosfera dell’impianto di sollevamento di Punta S. Francesco e quindi gli impatti ambientali sull’aria, migliorandone la qualità”.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *