A Roma per lo sviluppo delle aree interne del Gargano
28 giugno 2018
‘Nostra Signora dei Turchi’, colata di uova marce sullo schermo
29 giugno 2018

Cartiera di Foggia: 72 milioni di euro per gli investimenti

“Investimenti in tecnologia, potenziamento produttivo e nuova occupazione sono i pilastri della strategia di rilancio della Cartiera di Foggia, tornata ad essere impianto di riferimento per le attività a più elevato valore aggiunto grazie all’azione dei Governi a guida PD e al supporto operativo della Regione Puglia”. Lo affermano la segretaria provinciale Lia Azzarone e il segretario cittadino foggiano Davide Emanuele commentando l’esito dell’incontro tra la task-force regionale per l’occupazione, l’azienda, le organizzazioni sindacali e i rappresentanti della Regione Puglia. Lo stanziamento di 72 milioni consentirà, a breve, l’attivazione delle linee di produzione delle carte per passaporto e banconote, a cui si aggiungeranno altri tipi di carte pregiate. Altro settore d’investimento è quello degli ologrammi e della personalizzazione delle carte d’identità. Pronta per l’installazione, infine, la ribobinatrice per l’ottimizzazione del ciclo produttivo. “Il piano di sviluppo tracciato nei mesi scorsi e in fase di attuazione – continuano Azzarone e Emanuele – cancella ogni dubbio sulla funzionalità e la strategicità dell’impianto di Foggia, in parallelo con quello di Roma. In più ristabilisce la giusta relazione tra le cartiere private e quelle di proprietà dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, anche in un’ottica di sicurezza pubblica. Sul piano occupazionale, condividiamo la richiesta dei sindacati di valorizzazione del personale interno, oltre 300 unità, e stabilizzazione di quanti sono attualmente impiegati a tempo determinato o con altre forme di contrattualizzazione. Cinque anni fa si temeva lo smantellamento della storica Cartiera – concludono Azzarone e Emanuele – oggi possiamo guardare con ottimismo al futuro dell’impianto e delle famiglie di chi ci lavora”.

La precisazione del Poligrafico

“In merito alle dichiarazioni rese da alcuni esponenti politici foggiani, dopo l’incontro in Regione del 14 giugno scorso, il Poligrafico sottolinea per l’ennesima volta che gli investimenti di valorizzazione e rilancio dello stabilimento di Foggia sono il frutto di una precisa strategia di carattere puramente industriale sancita nel piano strategico approvato dal CdA della società che risponde all’azionista MEF.Le condizioni di questo rilancio sono da attribuire esclusivamente all’impegno delle maestranze, del management che hanno saputo superare una condizione di difficoltà strutturale che si era protratta per anni e che stava mettendo in dubbio la stessa sopravvivenza dello stabilimento.Inoltre il Poligrafico ritiene opportuno ribadire che il finanziamento degli investimenti in corso è esclusivamente coperto con l’auto finanziamento della società frutto del livello di redditività raggiunto”.

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *