Sta Come Torre, per la Capitanata c’è Vieste
5 Agosto 2020
Torna Alimentart nei vicoli del centro storico
5 Agosto 2020

Baldassarre: “Il risultato delle votazioni pugliesi è a rischio”

“In linea teorica, il risultato delle votazioni regionali pugliesi è a rischio”: lo dice in questa intervista al Quotidiano il Presidente emerito della Corte Costituzionale, dottor Antonio Baldassarre.

Presidente Baldassarre, il Governo ha esercitato il potere sostitutivo, nominando con decreto legge un Commissario ad acta per andare a votare. I decreti legge devono però essere convertiti in legge. Che cosa accade se la conversione non arriva?

“A quel punto è evidente che le elezioni nel loro esito non sono valide, in quanto decade tutto dall’ inizio”.

Almeno in linea teorica, chi ha perduto le elezioni a livello di Parlamento avrebbe interesse a far decadere …

“Se chi è stato sconfitto in Puglia appartiene a chi detiene la maggioranza in Parlamento, ha i numeri per non convertire il testo in legge, ma questo aprirebbe scenari politicamente pericolosi e controproducenti. Comunque a livello di ipotesi, il rischio esiste”.

Quote rosa nelle liste, che cosa ne pensa?

“Quando ero presidente le ho dichiarate illegittime nel 1995, perché a mio avviso sono in violazione del principio della libertà di voto. Non capisco perché una legge mi debba imporre di non dare la preferenza a due uomini o due donne e invece deve dirmi di mettere candidati di sesso diverso ove intenda esprimere due nomi”.

Il grillino Costanzo al Senato ha presentato la proposta di istituire il reato di istigazione al rifiuto di cure o trattamenti sanitari …

“E’ inaccettabile e arbitrario. Già nel nostro sistema esiste un eccesso di autoritarismo. Giuridicamente è infondata”.

Il Governo ha scelto di non rendere pubblici, ricorrendo al Consiglio di Stato, gli atti legati all’ emergenza Covid …

“Vige il principio della trasparenza degli atti della Pubblica Amministrazione e a mio parere dovevano e devono essere resi pubblici. Inoltre Conte è contraddittorio. Invoca la pubblicità e desecretazione degli atti relativi alla strage della stazione di Bologna, e invece insiste sulla secretazione di quelli del Covid”.

Bruno Volpe

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *