Attualità

Assalto Capitol Hill, Trump si dichiara non colpevole

(Adnkronos) – Donald Trump si è dichiarato non colpevole per i quattro capi di imputazione che gli sono stati contestati per aver tentato di sovvertire i risultati delle elezioni del 2020 e l'assalto a Capitol Hill del 6 gennaio 2021. Poco prima la giudice Moxila Upadhyaya ha letto i quattro capi di imputazione a carico dell'ex presidente e le pene massime che questi comportano. L'ex presidente ha scelto di parlare direttamente in aula per dichiararsi non colpevole, invece di lasciare che fossero i suoi avvocati a farlo.  L'ex presidente Usa è stato quindi rilasciato con la condizione di non avere contatti con i testimoni del suo caso, se non in presenza degli avvocati. "L'imputato non deve avere comunicazioni riguardo ai fatti del caso con testimoni se non tramite o in presenza degli avvocati", ha detto la giudce Upadhyaya che ha avvisato l'ex presidente che una violazione di queste condizioni porterebbe all'emissione di un mandato di arresto ed alla sua detenzione. La prima udienza del processo è stata fissata per il 28 agosto, alle 10 del mattino. La giudiceha presentato tre possibili date, oltre a quella del 28 agosto, quella del 21 e del 22. I procuratori, che hanno già annunciato l'intenzione di avere un processo rapido, hanno scelto il 21 agosto, la difesa il 28 agosto. La prima udienza sarà presieduta dalla giudice distrettuale Tanya Chutkan, a cui è affidato il procedimento. Conclusa l'udienza della sua incriminazione Trump ha lasciato il tribunale di Washington. Il corteo delle auto dell'ex presidente si è diretto verso l'aeroporto dove, secondo quanto anticipato dai media Usa, dovrebbe parlare ai giornalisti prima di partire. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 3 Agosto 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio