Notizie dall’Italia e dal Mondo

Alluvione Libia, si temono 20mila morti per le inondazioni

(Adnkronos) – Potrebbero essere addirittura 20.000 le persone morte a causa della tempesta Daniel che ha colpito la costa settentrionale della Libia sabato notte. Lo scrive il Guardian, che cita la stima di 20.000 morti giunta dal direttore del Centro medico Al-Bayda, Abdul Rahim Maziq. Le agenzie umanitarie, come la Mezzaluna Rossa libica, avevano parlato di diecimila persone disperse. I cadaveri ricoprono ancora le strade e l'acqua potabile scarseggia. Intere famiglie sono state spazzate via dalla tempesta e, data la lontananza di alcuni villaggi, ci vorrà del tempo prima che il bilancio delle vittime venga confermato.  La portata della devastazione appare dunque peggiore di quanto inizialmente previsto. Il "mare scarica costantemente decine di corpi", ha detto Hichem Abu Chkiouat, ministro dell'Aviazione civile nell'amministrazione che governa la Libia orientale, aggiungendo che la ricostruzione costerà miliardi di dollari. L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) in Libia ha dichiarato che almeno 30.000 persone sono sfollate a Derna, la città più colpita dalla tempesta Daniel. L'Oim ha aggiunto che si sa che 6.085 sono gli sfollati in altre aree colpite dalla tempesta, tra cui Bengasi, dove il numero di morti ancora non è stato verificato.  
L'Unione Europea ha annunciato oggi – a seguito della richiesta avanzata da Tripoli – l'invio di aiuti di emergenza e di generi alimentari in Libia. Sono tremila le persone che finora sono state seppellite. "Stiamo incanalando gli aiuti attraverso il meccanismo di protezione civile dell'Ue, per fornire assistenza nelle operazioni di emergenza sul campo", ha annunciato il commissario per la gestione delle crisi Janez Lenarcic, che ha confermato l'offerta di Germania, Finlandia e Romania. Nello specifico, questi Stati membri forniranno alloggi, generatori elettrici, cibo e altri materiali necessari per aiutare le persone colpite dal passaggio della tempesta Daniel.  —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)


Pubblicato il 13 Settembre 2023

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio