Il Premier Conte brinda alla Puglia col Nero di Troia
9 Aprile 2019
“Sculture in Corso” al Museo Madrepietra di Apricena
10 Aprile 2019

‘A metà del sonno’, ispirato alla tragedia di viale Giotto

“Erano le tre e dodici del mattino, un’ora in cui i sogni di alcuni erano incompleti, affidati al futuro. Quelli della città interrotti dalla vibrazione che il palazzo aveva prodotto inghiottendo se stesso, dal rumore di vite spezzate, dal suono agitato delle ambulanze, dei vigili del fuoco accorsi sul posto”. Si intitola ‘A metà del sonno’ il libro di Emiliana Erriquez che sarà presentato mercoledì 10 aprile agli studenti dell’Istituto di Mediazione Linguistica San Domenico di Foggia. A seguire, si svolgerà un laboratorio di traduzione editoriale a cura della stessa autrice del libro, edito da Les Flaneurs nel 2018, che narra un fatto di cronaca accaduto a Foggia nel 1999, che ha sconvolto la città: la tragedia di Viale Giotto 120. Il laboratorio, organizzato dall’Istituto di grado Universitario SSML San Domenico, prevede una breve panoramica sulla traduzione letteraria/editoriale: a partire dall’editing fino alla prova di traduzione e al diritto d’autore del traduttore e poi una sessione, articolata in team, in cui agli studenti della classe di laurea L-12 saranno assegnate alcune parti del testo narrativo ‘A metà del sonno’ da tradurre in inglese. Successivamente, le varie soluzioni di traduzione saranno discusse e valutate collettivamente in aula con la docente del laboratorio. Emiliana Erriquez, traduttrice, ha collaborato come giornalista pubblicista con diverse testate, attualmente fa parte della redazione del giornale online ‘Bonculture’. Ha vissuto per un breve periodo negli Stati Uniti, approfondendo la conoscenza della lingua inglese. Si occupa a tempo pieno di traduzione e scrittura. È autrice del saggio ‘Oriana Fallaci: una vita vissuta in pienezza’, vincitore del Premio Giuseppe Sciacca 2006, nella sezione saggistica. ‘A metà del sonno’ è il racconto romanzato di un evento terribile, in cui persero la vita ben sessantasette persone. La storia è ispirata alla vicenda di Rocco De Paolis (zio Massimo, nel libro) e di sua nipote Laura (Ester nel romanzo), sopravvissuta al crollo che portò via i suoi genitori e in seguito adottata dallo zio.

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *