Pagliacci: la grande opera sul sagrato del Duomo Tonti
3 Settembre 2019
Giornalisti e blogger dormono sugli alberi dei Moni Dauni
4 Settembre 2019

A Carpino non si può leggere più…

Carpino senza più giornali quotidiani e riviste. Infatti, ha chiuso l’unica edicola esistente nella centrale Piazza del Popolo che continua la vendita solo dei Tabacchi e altro. Non è che di quotidiani, in particolare, se ne vendessero tanti, ma sta di fatto che ora chi vuol leggere qualcosa deve recarsi alle edicole dei vicini paesi di Ischitella e Cagnano Varano, oppure deve “accontentarsi” di leggere o apprendere le notizie attraverso la televisione e i social. Ma non a tutti garba propriamente collegarsi ai social poiché amano invece sentire, mentre leggono, il profumo della carta stampata. Così chi d’ora in poi potrà leggere qualcosa sono quelle persone che qui sono abbonati a giornali e riviste. Ovviamente a Carpino non esiste neppure una libreria, ma solo una cartolibreria che distribuisce libri scolastici per alunni e studenti delle Scuole locali.  Fino a oggi, da quando l’edicola è stata dismessa dal titolare, nessuna altra persona si è fatta avanti e si è proposta per aprirne una nuova, e si può comprendere per lo scarso guadagno che se ne ricava a fronte del notevole, delicato e impegnativo lavoro. In realtà a Carpino, fino ad un quarto di secolo fa, si leggeva molto di più e si vendevano quindi molti più giornali e riviste; così si giustifica la chiusura dell’edicola locale e la difficoltà a trovare altre persone disponibili ad aprirne una nuova. (Mimmo Delle Fave)

 

Condividi sui Social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *