Quotidiano di Foggia

38 curdi dalla Turchia al Gargano: arrestati tre scafisti ucraini

Trasportati a bordo di una barca a vela, gli immigrati hanno pagato fino a 11 mila euro

38 curdi dalla Turchia al Gargano: arrestati tre scafisti ucraini

Otto giorni di navigazione tra la Turchia e il Gargano; stipati in 38 in pochi metri quadri; tra loro, ben 17 minori. A organizzare la traversata, tre ucraini di 44, 43 e 30 anni, arrestati dalla guardia di finanza con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. A bordo di una barca a vela, hanno trasportato i 38 profughi curdi, salpando da un porto turco per raggiungere all'alba di giovedì scorso la Baia di Porto Greco, a una quindicina di chilometri a sud di Vieste. Sono stati i militari delle fiamme gialle a scoprire i migranti lungo la litoranea, poco dopo lo sbarco. Per la traversata, i curdi hanno pagato dai 7 agli 11 mila euro. Gli scafisti non hanno utilizzato una carretta del mare, come quelle che solcano il canale di Sicilia, ma una barca a vela di 15 metri, battente bandiera statunitense. Dopo aver individuato i profughi, i finanzieri hanno cercato l'imbarcazione in mare, scoprendo la barca a vela in avaria al largo della costa garganica, con i tre ucraini a bordo. Il natante è stato condotto nel porto di Bari, mentre gli ucraini sono fermati e richiusi nel carcere di Foggia. Gli scafisti utilizzano spesso lungo la tratta fra la Turchia e l'Italia le barche a vela, per cercare di eludere i controlli. Negli ultimi due mesi, sono tre gli sbarchi di profughi registrati sul Gargano, sempre nei pressi di Vieste; non è escluso che anche nei primi due episodi possano esserci responsabilità a carico dei tre ucraini.

(14 Giu 2017) - Articolo letto 90 volte

INSERISCI UN COMMENTO
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio Non superare gli 800 caratteri, rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo Ho letto e accettato il regolamento, i termini e la privacy policy