Quotidiano di Foggia

Come tutelarsi dalle registrazioni illegittime al Sistema Informazioni Creditizie

"Non è raro il caso di consumatori che, per il mancato pagamento anche di un credito minimo si ritrovino iscritti al Sistema Informazione Creditizie del Crif. Con tutta una serie di svantaggi come non poter accendere un mutuo o chiedere un prestito". Ad affermarlo è l'Adoc Foggia che mette, dunque, in guardia i cittadini dal rischio di ritrovarsi catalogati come cattivi pagatori senza volerlo e senza poter rimediare. "È una prassi alla quale ricorrono diverse finanziare e dobbiamo sapere che in molti casi è illegittima. Infatti, non si può essere iscritti al Sic della Crif senza aver fornito il consenso al trattamento dei dati personali. Meno che mai si può essere iscritti forzosamente senza comunicazione preventiva o per un credito esiguo. La legge stabilisce tempistiche e modalità operative precise per dare a tutti i cittadini la possibilità del ravvedimento operoso", prosegue Adoc Foggia che indica anche una serie di consigli pratici per evitare la registrazione automatica: "Si può chiedere la cancellazione immediata dei dati e la tutela dei diritti dei consumatori anche nei casi di furti d'identità". Per consulenze legali, reclami e azioni di rivalsa, è a disposizione l'avvocato Roberta Maria Pagliara, ogni martedì dalle 16 alle 18.30, presso la nostra sede in via Fiume 38-40 a Foggia".

(09 Giu 2017) - Articolo letto 118 volte

INSERISCI UN COMMENTO
L'indirizzo email è necessario per attivare e pubblicare il messaggio Non superare gli 800 caratteri, rispetta il regolamento e scrivi in minuscolo Ho letto e accettato il regolamento, i termini e la privacy policy